Le illuminarie - La Festa dei Santi Medici di Alberobello - Iconografia e Venerazione dei santi Cosma e Damiano-La Basilica

Patroni di Alberobello
Patroni di Alberobello
Centro Studi Internazionali Pierre Julien
titolo del sito del comitato feste patronali di Alberobello
titolo del sito del comitato feste patronali di Alberobello
ICONOGRAFIA E VENERAZIONE DEI SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
Vai ai contenuti

Le illuminarie

FESTA CIVILE
aniuolo è là al centro della piazza con la cassa armonica, una vera scultura di luce; tutt'intorno e nella galleria che porta alla Basilica risplendono ricami di luci anelanti in un gioco d'arabeschi e bei colori. Questo spettacolo meraviglioso lo vediamo tutti gl’anni, molti da sempre. La ditta Faniuolo, fondata nel 1875 dal cavaliere Giovanni Faniuolo di Putignano; pare, comunque, che già il padre fosse dedito a questo mestiere. Inizialmente, i Faniuolo usarono lumini multicolori ad olio per abbellire portali e sagrati. Nel 1900 passarono all'uso di gas acetilene per alimentare fiammelle sistemate su strutture in legno e in metallo. Nel 1927, per la festa di san Nicola, i Faniuolo, Rocco e Francesco, due dei sette figli di Giovanni, crearono in corso Cavour la prima galleria elettrica che sbigottì i presenti per la maestosità.
La ditta lavorava in tutta la Puglia, in Campania, in Abruzzo, nel Molise e persino in Africa e in Libia, allora colonie italiane.

Con la guerra che oscurava le strade, illuminandole solo con la terribile luce delle bombe, Rocco e Francesco cambiarono mestiere. Nel 1949 Francesco, un po' per l'età, un po' per la morte di due suoi figli, awenuta in un incidente, mentre montavano i sostegni delle illuminazioni, lasciò l'azienda nelle mani del fratello Rocco. Nel 1951 questi inaugurò gli "addobbi luminosi al neon" per illuminare le feste cittadine e ciò gli permise di allargare la propria fama in tutta Europa (Parigi in particolare). Nel 1961 Rocco passò l'mpresa a Giovanni, il piu grande, al quale nel 1971 si unì il fratello Antonio. E con loro che le luminarie divennero vere e proprie opere d'arte.

Ancora oggi, gli eredi Faniuolo portano avanti la propria artigianalità con passione, creatività, ricerca e buona volontà, così da essere richiesti da tanti Comuni in tutta Europa.
Prospettive
© Copyright www.santimedici.net 2014 -2018
Privacy Policy
Torna ai contenuti