La Copeta - La Festa dei Santi Medici di Alberobello - Iconografia e Venerazione dei santi Cosma e Damiano-La Basilica

Patroni di Alberobello
Patroni di Alberobello
Centro Studi Internazionali Pierre Julien
titolo del sito del comitato feste patronali di Alberobello
titolo del sito del comitato feste patronali di Alberobello
ICONOGRAFIA E VENERAZIONE DEI SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
Vai ai contenuti

La Copeta

FESTA CIVILE
ntensa e melata è la fragranza che inebria l'angolo di piazza del Popolo, accanto a Cose Belle, la profumeria di Dino Sgobba, al quale mio nonno Giovanni Chirico (1913-1996) è stato legato da profonda amicizia, come lo è mio padre Pietro. Nonno Giovanni, di cui porto il nome, è stato maestro di copèta, i cupitari ne sono gli artefici. Fu Filiandro Furlaro di Franca villa Fontana che, nel 1912, al Salone Internazionale di Parigi, presentò, e fu subito successo, premiato con medaglia d'oro, un dolce francavillese, i confetti bianchi arricciati, i ricci, ideatore il padre sul finire dell'Ottocento. Nel nostro tempo sono prodotti nel periodo di Carnevale, mentre la copèta e i torroncini a partire dall'Ascensione, e i giovani li regalano come pegno d'amore alle proprie ragazze, le quali hanno proweduto a offrire a Pasqua la palomma, dolce casereccio awolgente un uovo sodo.
Alberobello ha avuto e continua ad avere da moltissimi anni una bancarella dove poter assaporare le mandorle che bene si combinano con lo zucchero, creazioni di una pasticceria povera, come i torroncini, i croccanti, i torroni bianchi e i mostaccioli. Da quando il nonno non è più, mio padre Pietro ne continua la tradizione e prepara i ricci tipici con le mandorle che vengono calate in una conca di rame legata con corde al soffitto, al caldo sulla brace, tenuta in movimento lento e oscillatorio. A quest'uomo il Comitato Feste Patronali di Alberobello ha consegnato, nel 1987, il diploma di merito con medaglia d'argento che gelosamente è in bella mostra in casa con la seguente motivazione: A Pietro Tardio di Francavilla Fontana, artigiano della copèta per i meriti artistici e il rispetto delle tradizioni [26].

A proposito di copèta , il termine, che deriva dall 'arabo qubbiat' (mandorlato), sta ad indicare la lunga preparazione che dura fino a sette ore di un prodotto finale di miele, di anice, di noci , di mandorle in uso in Lombardia, in Piemonte, in Abruzzo, in Puglia, in Calabria e in Sicilia, i cui dolci sono noti con altre varianti del nome, cupèta, cubbaita , copàta.
© Copyright www.santimedici.net 2014 -2018
Privacy Policy
Torna ai contenuti